La pioggia non concede tregua a Melbourne e così il programma delle qualificazioni degli Australian Open procede a rilento: al momento hanno concluso i rispettivi match di secondo turno del tabellone cadetto soltanto Alessandro Giannessi e Lorenzo Sonego, con alterne fortune. Il primo è stato eliminato, mentre il secondo ha ottenuto l’accesso al turno decisivo ed attende di conoscere il nome dell’avversario.

Partiamo dalle buone notizie: Lorenzo Sonego ha eliminato l’egiziano Mohamed Safwat in due set, con il punteggio di 6-3 7-6 (5) in un’ora e mezza di gioco. L’azzurro è stato solidissimo al servizio nel primo set, concedendo soltanto un punto in risposta all’avversario in ben cinque turni di battuta, trovando il break decisivo nel corso del sesto gioco e non permettendo all’avversario di rientrare più in partita. Il secondo set è stato molto più combattuto in ogni gioco, anche se l’azzurro ha avuto, nel corso del quinto game due palle break, che non ha saputo sfruttare. Seguendo l’andamento dei servizi, si è giunti al tie break dove l’italiano, sotto 2-5, ha poi infilato cinque punti consecutivi vincendo l’incontro.

L’altra faccia della medaglia della nottata italiana è rappresentata dall’eliminazione di Alessandro Giannessi ad opera dello statunitense Ernesto Escobedo, il quale, nella prosecuzione del match già sospeso per pioggia ieri, si è imposto per 6-3 6-2. Si ripartiva dal 3-1 per l’americano, che nel prosieguo della partita ha conservato il break di vantaggio portando a casa il primo set. Nella seconda partita l’azzurro è andato rapidamente sotto 0-4 e non è più stato in grado di impensierire l’avversario, che ha chiuso con un eloquente 6-2.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per  iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Profilo Facebook Alessandro Giannessi

CLICCA QUI PER TUTTI GLI ARTICOLI SUL TENNIS

[email protected]