Ciclismo, Santos Women’s Tour 2018: assolo di Amanda Spratt, che ipoteca il successo finale

La terza tappa del Santos Women’s Tour sarebbe dovuta essere sulla carta poco impegnativa e invece le condizioni climatiche e soprattutto il coraggio delle atlete l’hanno trasformata nella giornata chiave della corsa australiana. Infatti grazie ad una poderosa azione nel finale, Amanda Spratt è riuscita a trovare la vittoria in solitaria, balzando in testa alla classifica generale e ipotecando il successo finale.

Fin dai primi chilometri il forte vento laterale ha messo a dura prova il gruppo, con la formazione di numerosi ventagli. Dopo 40 km Linda Villumsen (Team Virtu Cycling) riesce ad uscire dal gruppo e arriva a guadagnarne un vantaggio massimo di 5’. Il plotone viene tirato dalla nazionale australiana, per la leader Katrin Garfoot, ma non riesce ad accorciare il gap. Nel finale subentra quindi la Mitchelton Scott, che cambia completamente ritmo.

A 30 km dal traguardo si completa il lavoro del team australiano, che lancia all’attacco Amanda Spratt, seguita dalla statunitense Lauren Stephens (Cylance Pro Cycling). La loro azione è subito efficace e in pochi chilometri vanno a raggiungere Villumsen e poco dopo la staccano. Negli ultimi 400 metri Spratt sferra l’attacco decisivo e va a conquistare la vittoria in solitaria precedendo di 8” Stephens. Al terzo posto troviamo invece Grace Brown (Holden Team Gusto Racing) a 59”, mentre la leader Garfoot è staccata di oltre un minuto e mezzo.

In classifica generale Spratt va quindi al comando, con 29” di vantaggio su Stephens e 1’30” su Garfoot. L’atleta della Mitchelton Scott sembra ormai lanciata verso il suo secondo successivo del Santos Women’s Tour, visto che la breve tappa di domani non dovrebbe far registrare distacchi in classifica.

CLICCA QUI PER TUTTI GLI ARTICOLI SUL CICLISMO

[email protected]

Twitter: @Alefarina18

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Twitter

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply