MotoGP, i precedenti di Andrea Dovizioso nel GP delle Americhe. Appena due podi e anche una caduta per il romagnolo

Se, da un lato, il Circuito delle Americhe di Austin è un vero e proprio feudo per Marc Marquez, non si può dire la stessa cosa per Andrea Dovizioso che, sul tracciato texano, ha collezionato appena due podi in cinque edizioni. La Ducati del romagnolo soffre in maniera particolare a Phillip Island, ma anche sul circuito americano non ha mai saputo dare il proprio massimo. Si annuncia, quindi, un fine settimana in difesa per il pilota italiano? La sensazione è che, ancora una volta, Marquez sia l’uomo da battere (dopo cinque successi in altrettante edizioni) con Dovizioso che dovrà ritrovare il feeling con una pista che, raramente, lo ha visto dare il proprio meglio. Andiamo a ricordare i precedenti di “Desmo Dovi” sui 5513 metri del COTA – Circuit of the Americas.

L’esordio della gara texana avvenne nel 2013 con la prima vittoria di Marc Marquez. Andrea Dovizioso, invece, concluse la sua gara in settima posizione a 22.3 secondi dalla vetta, precedendo in volata Alvaro Bautista per pochi decimi. Il podio fu tutto spagnolo, con Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo a completare il trionfo iberico.

Nel 2014 dopo essere partito dalla quarta fila (decima casella della griglia) il forlivese fu in grado di salire sull’ultimo gradino del podio con un distacco di ben 20.9 secondi dal solito Marquez, precedendo Stefan Bradl e Bradley Smith in una gara contraddistinta dalle gomme che hanno messo in ginocchio diversi piloti.

Passiamo al 2015 ed al migliore risultato del romagnolo in terra americana. Un brillante secondo posto a 2.3 secondi di distacco nei confronti dello scontato vincitore, ma avendo la meglio per otto decimi su Valentino Rossi, per un podio con due piloti italiani.

Se nel 2015 il destino di Andrea Dovizioso andò di pari passo, o quasi, con quello di Valentino Rossi, si può dire la stessa cosa anche nell’edizione successiva. I due italiani nel 2016, infatti, conclusero anzitempo le loro fatiche con altrettante scivolate che li costrinsero al ritiro. La vittoria, come sempre, fu di Marc Marquez, davanti a Jorge Lorenzo e Andrea Iannone.

Edizione 2017, l’ultima in ordine cronologico, e ancora una delusione per Dovizioso. Sesto posto finale a 14.0 secondi dalla prima posizione dopo essere scattato dalla settima casella della griglia. Alle spalle di Marc Marquez si piazzarono Valentino Rossi e Dani Pedrosa, mentre il portacolori della Ducati non risultò quasi mai in gara. Ma, come ben ricordiamo, da quel momento in avanti cambiò marcia alla sua stagione, sfiorando addirittura il titolo.

Per Andrea Dovizioso, e per gli italiani in generale, il Circuito delle Americhe non è uno dei più semplici da digerire, anche perchè solo la Honda appare veramente ideale per le caratteristiche della pista concepita dall’ingegnere Hermann Tilke. Cinque edizioni con appena due podi (al massimo un secondo posto) non sono certo un viatico ben incoraggiante per il forlivese che dovrà assolutamente compiere un salto di qualità per non permettere a Marquez di centrare il sesto successo consecutivo negli Stati Uniti. Un podio, in ogni caso, sarebbe fondamentale in ottica iridata.

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL MOTOMONDIALE

[email protected]

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

(foto Valerio Origo)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply