Nuoto, Campionati Italiani 2018: batterie 13 aprile. Federica Pellegrini al top nei 100 dorso, duello Codia-Rivolta nei 100 farfalla

Quarta giornata di gare degli Assoluti di nuoto a Riccione. Un day-4 dedicato alle batterie in cui sono state più le conferme che le sorprese ed i contenuti tecnici non sono stati eccelsi, tranne qualche eccezione.

100 farfalla uomini

In sede di presentazione avevamo preannunciato che ci sarebbe stato il confronto diretto tra Piero Codia e Matteo Rivolta e le heat mattutine non hanno cambiato le carte in tavola. Il delfinista del Circolo Canottieri Aniene ha ottenuto il miglior crono di 52″65 davanti a Rivolta (52″97) ed al sempre più convincente Federico Burdisso (53″08, qualificato agli Eurojunior di Helsinki). Le prospettive dei due grandi favoriti saranno quelle di nuotare sul passo dei 51″. In finale anche Christian Ferraro (53″35), Daniele D’Angelo (53″38), Simone Geni (53″53), Raffaele Tavoletta (53″76) e Giacomo Carini (53″85).

 

100 dorso donne

La risposta della campionessa. Era delusa dal crono dei 100 stile libero Federica Pellegrini e stamane, tornando in vasca, ha sfoderato un brillante prestazione sui 100 dorso siglando il miglior tempo delle batterie. 1’00″09 il crono stampato da Federica (secondo tempo all time in Italia) a precedere la neo primatista italiana Margherita Panziera (1’01″41), Carlotta Zofkova (1’01″55) e Silvia Scalia (1’01″68). Sono queste le ragazze in ballo per qualcosa di importante. Degna di menzione la classe 2002 Giulia D’Innocenzo, qualificata all’atto conclusivo in 1’01″92 (ottenuto il tempo limite per gli Eurojunior di Helsinki). Le altre finaliste sono Tania Quaglieri (1’02″49), Letizia Paruscio (1’02″78) e Karen Asprissi (1’02″79).

200 dorso uomini

Livello non eccelso in questa specialità. Emanuel Turchi si è issato in vetta alla graduatoria con il tempo di 1’59″69, unico a scendere sotto il limite dei 2′. Alle spalle dell’atleta del Vela Nuoto Ancona, Luca Mencarini che ha esibito il suo solito ritorno nell’ultima vasca, chiudendo in 2’00″57. Tra i migliori otto anche Jacopo Bietti (2’00″71), il primatista italiano Matteo Restivo (2’00″71), che in questa vasca illuminò la scena con il tempo di 1’56″55 l’anno scorso, Christopher Ciccarese (2’00″99), Matteo Milli (2’01″31) ed i giovani Michele Lamberti (2’01″46) e Johannes Calloni (2’01″79).

 

200 farfalla donne

Alessia Polieri in evidenza nelle batterie dei 200 farfalla. 2’12″76 per la nuotatrice dell’Imolanuoto, convincente per il suo incedere in acqua. Alle sue spalle una buona Stefania Pirozzi che, reduce dal titolo conquistato nei 200 stile libero, vorrebbe concedersi il bis: 2’14″20 per lei. Terza piazza per Ilaria Cusinato: la mistista ha fatto irruzione anche in questa specialità e con il crono di 2’14″39 è entrata nella top3. Qualificate per la gara pomeridiana anche Martina Nata (2’14″88), Francesca Annis (2’14″90), Silvia Meschiari (2’15″25), Claudia Tarzia (2’15″36) ed Ilaria Bianchi (2’15″55), argento continentale nella rassegna di Copenhagen in vasca corta.

200 rana uomini

Luca Pizzini in vetta all’ordine dei tempi delle heat delle quattro vasche nella rana. Un livello non eccelso anche in questa specialità nella quale il “normale” 2’12″37 dell’atleta del Centro Sp.vo Carabinieri è stato sufficiente per primeggiare. In seconda posizione Edoardo Giorgetti (2’12″67) mentre in terza ha sorpreso Alessandro Fusco (2’14″19), classe 2000, assai performante stamane. Nella top8 Moises Daniel Loschi (2’14″47), Flavio Bizzarri (2’14″78), Riccardo Cervi (2’15″13), Stefano Saladini (2’15″14) e Giovanni Sorriso (2’15″79).

50 stile libero donne

25″31 è stato il tempo di riferimento dell’unica vasca dello stile libero femminile di Lucrezia Raco. La velocista dell’Aniene ha preceduto la favorita della vigilia Erika Ferraioli (25″40) e Nicoletta Ruberti (25″55). Nell’atto conclusivo saranno protagoniste anche Giada Galizi (25″67), Giorgia Biondani (25″76), Giulia Ghidini (25″77, classe 2000), Giulia Spaziani (25″90) e Aglaia Pezzato (25″94).

200 stile libero uomini

A completamento della mattinata Matteo Ciampi ha siglato il miglior tempo delle heat in 1’49″31. Uno standard in questa gara modesto in cui si evidenzia la mancanza di una figura di un atleta degno di respiro internazionale. Comunque, nel pomeriggio, vedremo sui blocchetti di partenza anche Mattia Zuin (1’49″33), Davide Cesarin (1’49″89), Filippo Megli (1’49″92), Alessandro Bori (1’50″09), Stefano Di Cola (1’50″17), Alessio Proietti Colonna (1’50″20) e Stefano Ballo (1’50″25).

 

 

 

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NUOTO

[email protected]

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Diego Gasperoni

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply