Seconda giornata ai Campionati Europei under23 di scherma in corso di svolgimento a Yerevan e arrivano altre due medaglie per l’Italia. Dopo l’oro di Dario Cavaliere di ieri, risuona ancora l’inno di Mameli grazie al successo di Lucrezia Sinigalia nella prova di fioretto femminile. Una meravigliosa doppietta azzurra sul podio, perchè Elisabetta Bianchin è di bronzo.

Un vero e proprio dominio quella di Sinigalia che ha demolito in finale la romena Maria Boldor con il punteggio di 15-1 ed in precedenza aveva proprio sconfitto la compagna di squadra nel derby azzurro di semifinale per 15-8. Quasi un campionato italiano per la neo campionessa d’Europa Under 23, perchè anche nei quarti la mestrina aveva sconfitto in una sfida tricolore Erica Cipressa per 15-7. Eliminata al secondo turno, invece, Marta Ricci, che si è arresa all’ultima stoccata per 15-14 all’ungherese Mesteri.

 

Dominio francese nella prova di spada maschile. Una finale tutta transalpina con il successo di Lopez-Pourtier sul connazionale Gally per 15-12. Sul podio salgono anche lo svizzero Bayard e il russo Bruev

Podio lontano per gli spadisti italiani. Eliminazione agli ottavi di finale per Cosimo Martini e Valerio Cuomo, sconfitti rispettivamente dall’ungherese Esztergalyos (15-13) e dal russo Bruev (15-11). Fuori al secondo turno Federico Vismara, che si è arreso per 15-9 al francese Gally ed Amedeo Zancanella, ko con lo svizzero Pittet per 15-8

 

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Augusto Bizzi per Federscherma