Da questo momento Peter Fill andrà annoverato come uno dei più grandi sciatori della storia italiana di tutti i tempi. Il 35enne è riuscito a riscrivere nuovamente il grande libro del Circo Bianco nel nostro Paese e ha fatto un ulteriore passo nella leggenda: due anni fa era stato il primo azzurro capace di vincere la Coppa del Mondo di discesa libera, oggi è stato il primo italiano ad alzare al cielo la Coppa del Mondo di combinata alpina. Un risultato maturato con solo due prove in calendario ma che rimarrà per sempre nell’albo d’oro.

In oltre 50 anni soltanto due italiani hanno saputo conquistare più Sfere di Cristallo di Peter Fill: meglio di lui, infatti, soltanto due monumenti indiscutibili come Alberto Tomba e Gustavo Thoeni. La Bomba ne portò a casa ben quattro in gigante (1988, 1991, 1992, 1995) e quattro in slalom (1988, 1992, 1994, 1995) oltre a quella generale dell’anno di grazia 1995. L’altoatesino, invece, ne vinse tre consecutive in gigante (1970-1972) e due in slalom (1973-1974) senza dimenticarsi ovviamente delle quattro generali.

Alle spalle di Peter Fill troviamo altre stelle del calibro di Piero Gros (fece tutto nel 1974 con gigante e overall), Giorgio Rocca (slalom nel 2006), Manfred Moelgg (slalom nel 2008), Peter Runggaldier (SuperG nel 1995).

Allargando lo sguardo anche al settore femminile, soltanto Isolde Kostner riuscì in una doppietta (discesa libera nel 2001 e 2002) mentre Deborah Compagnoni e Denise Karbon si sono fermate a una (entrambe in gigante, rispettivamente nel 1997 e nel 2008).

 


(foto Pentaphoto-FISI)