L’Italia ha realizzato un’impresa mitologica nella discesa libera di Bad Kleinkirchheim. Il podio si è tinto tutto d’azzurro, l’Inno di Mameli ha risuonato per tre magnifiche portacolori che hanno fatto sventolare il tricolore nel miglior modo possibile sulle nevi austriache. Un autentico spettacolo confezionato da Sofia Goggia, Federica Brignone e Nadia Fanchini: salgono loro sul podio, l’Italia è in festa e ha messo in ginocchio tutte le altre specialiste. Un’impresa mastodontica anche perché questa è la prima tripletta in assoluto nella velocità pura. Mai prima d’ora eravamo riusciti a monopolizzare il podio.

E nella storia in generale non ci era andata tanto meglio: soltanto due domini confezionati in oltre cinquant’anni di Coppa del Mondo, i due precedenti sono sempre in gigante. Il 2 maggio 1996 Compagnoni, Panzarini e Kostner fecero festa a Narvik (Norvegia). Il 19 marzo 2017, 10 mesi fa, sui gradini delle Finali di Aspen c’erano ancora Federica Brignone e Sofia Goggia (quella volta a posizioni invertite) affiancate da Marta Bassino.