L’avventura si è conclusa con la medaglia di legno, il miracolo di salire sul podio a cinque cerchi non è riuscito ma l’Italia merita uno scroscio di applausi: i ragazzi dello sledge hockey ci hanno fatto sognare alle Paralimpiadi Invernali di PyeongChang 2018, hanno sfiorato davvero l’impresa e sono andati a un passo da un bronzo che sarebbe stato leggendario. Tra tante difficoltà il nostro movimento è riuscito a sfornare una Nazionale capace di lottare alla pari con le migliori formazioni del circuito e ha addirittura accarezzato il sogno di essere tra le tre grandi.

La finalina persa contro la Corea del Sud valeva un posto al solo alle spalle delle corazzate USA e Canada (sono dei professionisti, non sono nemmeno da prendere in considerazione). I ragazzi di Da Rin hanno lottato alla pari contro i padroni di casa, se la sono giocata alla pari per tre tempi ergendo un vero e proprio fortino ma portino è arrivata la beffa nel finale. Planker e compagni devono essere fieri di quello che hanno compiuto, sono riusciti a superare un girone ostico battendo Norvegia e Svezia e per dieci giorni hanno respirato l’aria dei campioni. Da qui bisognerà ripartire, dopo due quinti posti ai Mondiali e l’argento agli Europei, per riprovarci tra quattro anni a Pechino.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter