Dopo il secondo posto di ieri, Greg Van Avermaet è riuscito a vincere la terza tappa del Tour of Oman 2018, transitando per primo sull’arrivo di Wadi Dayqah Dam, posto dopo 179 chilometri di corsa. Per il belga della Bmc si tratta del primo successo stagionale dopo che aveva concluso la Volta a la Comunitat Valenciana senza soddisfazioni personali.

Loic Chetout (Cofidis), Xandro Meurisse (Wanty-Groupe Gobert), Wouter Wippert (Roompot-Nederlandse Loterij) e Nicholas Schultz (Caja Rural-Seguros RGA) hanno provato ad anticipare i tempi, andando subito in fuga. Per gran parte della tappa, il gruppo non ha concesso più di 3′ di vantaggio, un margine molto risicato per pensare di poter arrivare fin sul traguardo. La loro azione si è conclusa a 20 chilometri dall’arrivo, sono invece sono nate alcune schermaglie tra i corridori del gruppo, complice lo strappo di Wadi Dayqah a  8 chilometri dal traguardo che ha selezionato il plotone principale.

Un gruppo ridotto è andato verso il finale. Van Avermaet è riuscito ad anticipare il gruppo, tagliando il traguardo con 3” di vantaggio sul portoghese Rui Costa (UAE Emirates) e il kazako Alexey Lutsenko (Astana) che hanno completato il podio in seconda e terza piazza. Quarto lo spagnolo Gorka Izagirre (Bahrain-Merida), mentre gli altri hanno tagliato via via il traguardo in gruppetti separati. Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida) ha tagliato il traguardo in 15esima posizione con un ritardo di 17” da Van Avermaet.

CLICCA QUI PER TUTTI GLI ARTICOLI DI CICLISMO

Twitter: @Santo_Gianluca

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

[email protected]

Foto: Pier Colombo