UN GIORNO AL MASO: RICETTE DALL’ALTO ADIGE

CONTENUTO IN COLLABORAZIONE CON Visit Südtirol

 

Ci sono ricette che ti entrano nel cuore, piatti che appena li senti nominare ti fanno venire l’acquolina e che vorresti si materializzassero davanti ai tuoi occhi all’istante. A noi i Canederli fanno questo effetto… Ricetta tipica dell’Alto Adige, questi “gnocchi” detti anche Knödel sono generalmente composti da pane raffermo, latte, uova, prezzemolo e insaporiti con formaggio, spinaci o speck.

Durante uno dei nostri ultimi viaggi in Alto Adige – puoi seguire anche l’hashtag #gnamboxinaltoadige – abbiamo avuto la fortuna di conoscere Paula e Thomas, i proprietari del maso Funtnatscherhof di Fiè (a circa 20 minuti da Bolzano). Qui la coppia vive con i cinque figli e ha fatto dell’accoglienza una ragione di vita, infatti affittano appartamenti per permetterti di vivere al 100% la vita del maso e scoprire la loro azienda a conduzione famigliare.

alto-adige-maso-00

alto-adige-maso-05
alto-adige-maso-17

Abbiamo trascorso una giornata con loro (sveglia alle 5:00 a parte) iniziando a preparare lo yogurt in casa per la colazione, un procedimento facilissimo che non avevamo mai visto fare. Aspettando poi che Thomas rientrasse dalla mattinata lavorativa Paula che ci ha svelato i segreti per fare dei perfetti Canederli. Abbiamo deciso di fare quelli al formaggio con burro fuso color nocciola… anche a te è venuta l’acquolina? Ecco la ricetta.

CANEDERLI AL FORMAGGIO E ERBE

Abbiamo iniziato andando nell’orto a raccogliere alcuni degli ingredienti per poter fare insieme i Canederli e chiacchierando con Paula abbiamo cercato di scoprire qualche segreto che possiamo condividere con te.

Ingredienti per 4 persone / 12 canederli

300 g pane raffermo tagliato a dadini
200 g formaggio di media stagionatura
4 uova
100 ml latte
1 cipolla
2 cucchiai di farina
erba cipollina
prezzemolo
burro
pepe
sale

Per servire

50 g parmigiano
60 g burro
petali colorati / erba cipollina

Procedimento

Per prima cosa unisci in una ciotola il pane tagliato a dadini, la cipolla rosolata nel burro, la farina, il prezzemolo e l’erba cipollina tritati finemente. Rompi le uova nel latte e mescola grossolanamente rompendo i rossi. Unisci il latte e le uova nella ciotola con tutti gli altri ingredienti e inizia a lavorare l’impasto con un cucchiaio, compatta bene e lascia riposare. Se risulta troppo umido aggiungi del pane, se troppo secco del latte.

Bagna le mani con dell’acqua e inizia a formare delle “palle” schiacciandole bene tra le mani. Cuoci i Canederli in acqua bollente salata per circa 15 minuti. Servili con burro nocciola, formaggio grattugiato e – come ha fatto Paula – con petali colorati (in alternativa puoi usare dell’erba cipollina).

L’unica regola? È vietatissimo tagliare i Canederli con il coltello, vanno mangiati rigorosamente con la forchetta.

Paula ci ha consigliato di preparare una grande quantità di Canederli per poterli poi congelare e avere sempre a disposizione.

Ad un certo punto Paula ci dice dalla finestra della cucina “facciamo anche uno strudel?”. Noi con gli occhi a cuore abbiamo annuito. Nemmeno il tempo di rispondere e Paula aveva già preparato l’impasto. Ne abbiamo approfittato per scoprire qualche segreto anche per questa ricetta, una delle nostre preferite.

LO STRUDEL DI MELE

Altra ricetta tipica del maso Funtnatscherhof è lo strudel, qui abbiamo mangiato forse uno dei più buoni di sempre. Grazie alla padrona di casa abbiamo scoperto che la ricetta tradizionale non è con la sfoglia ma con una pasta frolla a cui viene aggiunto anche il lievito e del latte. Per noi la differenza però l’hanno fatta le mele tritate finissime e non a “tocchetti” come abbiamo sempre fatto noi a casa.

alto-adige-maso-13
alto-adige-maso-16

Ingredienti per uno strudel

Per la pasta
250 g farina
125 g burro
125 g zucchero a velo
2 cucchiai di latte
1 uovo
1 cucchiaino di lievito
scorza di mezzo limone
un pizzico di sale

Per il ripieno
600 g mele
50 g zucchero
50 g briciole di pane
40 uvetta
20 g pinoli
1 cucchiaino di cannella
scorza di mezzo limone

Procedimento

Impasta velocemente in una ciotola il burro a temperatura ambiente, lo zucchero e la scorza di limone fino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungi l’uovo, il latte, la farina, il lievito e impasta bene. Fai riposare la pasta per mezz’ora.

Sbuccia le mele ed elimina il torsolo, tagliale a fettine molto sottili (puoi utilizzare una mandolina) e uniscile in una ciotola allo zucchero, all’uvetta, ai pinoli, alla cannella e alla scorza di limone. Stendi la pasta direttamente sulla carta forno in modo di spostarla facilmente sulla teglia. Prepara una base con le briciole di pane al centro della pasta, versa il ripieno di mele e ripiega lo strudel chiudendolo bene. Spolvera lo strudel con zucchero a velo e cuocilo in forno a 180°C per circa 35-40 minuti.

FIENO, LATTE FRESCO E ORTO AI PIEDI DELLE DOLOMITI

La vita del maso non è solo in cucina. Per avere delle ottime materie prime prodotte in casa ci vuole tanto lavoro. Con Thomas abbiamo tagliato l’erba di uno dei suo campi, fatto un giro in stalla e visto mungere le mucche. La vita al maso Funtnatscherhof è fatta di piccoli gesti, abitudini e semplicità: uno stile di vita che abbiamo subito un po’ invidiato.

Alle spalle del maso le pareti dello Scillar, montagna delle Dolomiti e simbolo dell’Alto Adige, davanti una valle di prati verde brillante. Ci è bastato chiudere gli occhi, sentire il sole caldo sulla pelle e respirare il profumo della vegetazione circostante per sentirci in pace e parte della natura. È la magia di questa terra fatta di ricordi, profumi, sapore e persone genuine. Prova queste ricette anche tu per vivere le stesse emozioni.

Il nostro viaggio in Alto Adige non finisce qui, presto ti racconteremo di altre persone e realtà che abbiamo incontrato durante il nostro cammino.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply