Volley, Semifinali Scudetto 2018: le pagelle di gara4. Giannelli e Juantorena da sballo, Vettori rinato, Zaytsev sottotono

Nel weekend si sono disputate le gara4 delle semifinali dei Playoff Scudetto di volley maschile. Civitanova ha sconfitto Modena e si è qualificata alla Finale, Perugia e Trento giocheranno la bella. Di seguito le pagelle dei giocatori che si sono maggiormente messi in vista.

 

SIMONE GIANNELLI: 9. Una regia davvero da Oscar. Partita sublime del palleggiatore di Trento che manda in crisi totale tutta Perugia: fondamentale per la vittoria dei dolomitici che così volano a gara5. Il giovane fenomeno si inventa delle alzate spettacolari per Vettori e per Lanza, gestisce Kovacevic e i centrali, eccelle con cinque muri personali e si regala una delle migliori serate della stagione.

OSMANY JUANTORENA: 9. Semplicemente decisivo. Annulla due set-point nel quarto set e trasforma il match-point che spedisce Civitanova in Finale. La Pantera si conferma uomo Lube in un pomeriggio da incorniciare perché è salito in cattedra quando davvero contava, quando Modena si faceva minacciosa. Lo schiacciatore mette a segno 12 punti (52% in ricezione, 42% in attacco) e fa sognare i Campioni d’Italia.

FILIPPO LANZA: 8. Tutta la grinta del capitano per la vittoria da sogno di Trento che costringe Perugia alla bella. Lo schiacciatore è onnipresente, va a referto con 13 punti (3 aces), spicca con il 47% in attacco e il 44% in ricezione, una garanzia di banda che fa sognare i tifosi.

LUCA VETTORI: 8. Revenant. Come in gara2. Quella volta il match si era deciso al tie-break, questa volta Trento ha trionfato con un rapido 3-0 e c’è sempre lo zampino dell’opposto che quando gioca a questi livelli risulta imprendibile: 11 punti con il 58% in attacco senza errori offensivi, davvero eccezionale.

ENRICO CESTER: 8. Nella serata delle magie di Juantorena, Sander e Sokolov c’è spazio anche per il centrale italiano che fa saltare il banco con 4 aces spettacolari e con 12 punti complessivi da vero centrale.

IVAN ZAYTSEV: 5. Lo Zar purtroppo è stato sottotono insieme a tutti i compagni di squadra non riuscendo mai a tirare Perugia fuori dai guai. Schierato anche da opposto nella seconda parte di terzo set, Ivan ha sì retto bene in ricezione ma è mancato in attacco e gli è mancata quell’aggressività che aveva fatto vedere per tutta la serie.

ALEKSANDAR ATANASIJEVIC: 4. In crisi totale, non riesce a mettere il pallone a terra. Senza il loro opposto, i Block Devils sono poca cosa e crollano sotto i colpi di Trento. Il serbo non giocherà neppure il terzo set chiudendo con appena 5 punti a referto.

EARVIN NGAPETH: 7. Grazie di tutto. Tra grandi giocate in campo e qualche comportamento oltre il limite fuori dal campo, il francese ha regalato stagioni incredibili ai tifosi di Modena e agli appassionati di volley. Chiude con la sconfitta in gara4, ma segnando 21 punti col 59% in attacco. Buona fortuna a Kazan.

GIULIO SABBI: 7. L’opposto non si tira indietro, concretizza il 61% dei palloni chiudendo con 15 punti ma non bastano per salvare Modena.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply